bookislife: Recensione: Emma Braccani "perchè io non posso" di Giulia Bacchetta

Ultimi post

lunedì 22 agosto 2016

Recensione: Emma Braccani "perchè io non posso" di Giulia Bacchetta

Buongiorno readers sono assente da moltissimo tempo ma non sono morta :p sono semplicemente impegnatissima..aiutooo ho bisogno di una vacanza anche io a questo punto;
Comunque oggi vi voglio lasciare la recensione di Emma Braccani "perchè io non posso" della giovanissima Giulia Bacchetta.


Titolo: Emma Braccani "perchè io non posso"
Autore: Giulia Bacchetta
Pagine: 300
Casa Editrice: Self-Publishing
Prezzo: 4,99€ (E-Book)


Amazon:Acquisto

Sinossi:
«Emma, perché pensi che nella vita ci sia per forza una spiegazione a tutto?» chiese curiosa Eleonora alla sua migliore amica. 
“Riserva la metà di te stessa per combattere contro ogni tipo di imposizione, violenza, plagio, corruzione, dogma, odio, rabbia.”
Un’infanzia infelice, seguita da un’adolescenza piena di ansietà e dubbi. Un continuo difendersi dalla figura paterna, e poi psicologi, giudici, avvocati, assistenti sociali, complotti, una realtà al limite, tormentata da incubi e dall’abbandono di familiari e amici. Tutto questo porterà Emma Braccani, quattordicenne timida e riservata, ma dotata di uno spiccato spirito critico, ad un’inconsapevole e disperata analisi del comportamento umano, attraverso gli strumenti che le offriranno i suoi studi e le sue letture. Un diario segreto, fedele compagno a cui affidare i pensieri più riposti e sul quale dare spazio ai propri ragionamenti. E l'amore? Ci sarà per lei? Un solo destino, e tanti perché. Questa è la storia di Emma Braccani che soltanto alla fine potrà essere giudicata. «Sei debole Emma. Non ti conviene metterti contro di me» la minacciò suo padre prima di chiudere il telefono. «A te non conviene perdere una figlia come me.»


Recensione:
Allora miei cari lettori, ho iniziato questo libro con un po di diffidenza, leggendo io maggiormente thriller o simili, perchè mi tengono più sveglia :p ,ma davanti invece, mi sono trovata una storia che mi ha appassionata già dalle prime righe e, pagina dopo pagina mi sono subito affezionata ad Emma e Marta.
Le vicende che accompagnano la piccola Emma sono più attuali di quello che si pensa,ci sono moltissime famiglie che apparentemente sembrano la famiglia perfetta del mulino bianco, ma che nelle quattro mura, nascondono grandi
segreti come padri/mariti violenti.
Mentre leggevo ho provato un mix di emozioni e sentimenti per esempio ho provato comprensione per Marta perchè la vedo molto più simile a me,lei è stata la prima ad avere il coraggio di ribellarsi a questo padre violento( diciamo che è come me,non si tira in dietro davanti a niente e combatte per ciò che crede giusto),poi c'è Emma per cui ho provato grandissima ammirazione per il suo modo di metabolizzare ed analizzare..è sicuramente una ragazza molto matura per la sua età e poi ho provato rabbia (molta) per la nonna Olga ( mi ricorda moltissimo la mia che porta anche lo stesso nome ed è uguale..infatti devo chiedere a Giulia se si è ispirata a lei hahahaha) e per Roberto che avrei volentieri preso a calci,poi non ci dimentichiamo anche delle istituzioni che sono assenti e corrotte ( questo fattore è più reale che mai sfortunatamente).
Adesso smetto sennò rischio di fare qualche spoiler e non vorrei rovinarvi la lettura :p
La scrittura di Giulia Bacchetta è fluida,appassionante e sopratutto mai noiosa perchè è stata brava ad alternare momenti in cui si trattavano argomenti più pesanti ed oscuri come la violenza a momenti più leggeri con l'amore adolescenziale di Emma.
Ho apprezzato moltissimo il modo leggero e delicato ,con cui Giulia ,ha affrontato argomenti importanti e spinosi,pensando alla sua giovane età.

Sono sicura che Giulia Bacchetta ha una strada davanti a se di successo e soddisfazioni e sono contenta di aver avuto la possibilità di leggere questo romanzo  che sicuramente fa parte del Made in Italy di qualità.

Autore:
Giulia Bacchetta nasce a L’aquila, il 23 Agosto 1991. Cresce a Montereale un paesino situato sulle alte colline Reatine,  a pochi chilometri dal capoluogo Abruzzese, che si rivelerà per lei, nel corso degli anni, una forte fonte d’ispirazione, nonché materia visibile sulla quale sviluppare la propria immaginazione. Da bambina infatti, amava giocare alla piccola scrittrice, inventando storie, molto brevi, grazie all’uso segreto della vecchia macchina da scrivere di sua madre. A otto anni Giulia scopre la predisposizione per la scrittura. Negli stessi anni scrive piccoli racconti come : Le avventure di Tosca e Prisca, due amiche del cuore che dovevano sfidare ciò che la sorte aveva riserbato loro. Le avventure del piccolo Ilian, una serie di racconti per bambini, ripresi e revisionati dall’autrice molti anni dopo e disponibili oggi sui migliori store digitali in versione eBook. L’amore secondo Chiara, è un breve racconto sul fallimento sentimentale nel periodo difficile dell’adolescenza, pubblicato su Wattpad nell'Ottobre del 2015. A tredici anni  Giulia inizia la stesura dei primi capitoli del romanzo Emma Braccani “Perché io non posso”, una storia inventata, un Young Adult, ricca di antagonisti in cui i sentimenti di rabbia, odio e  rancore sono alla pari con la voglia di riscatto ed il desiderio di appropriarsi della propria libertà psico sociale, nonché il coraggioso tentativo nel superare, a propri rischi, la figura genitoriale.  Dopo aver conseguito il diploma presso l’istituto di scienze biologiche, Giulia, spinta dalla grande passione per la psicologia, a diciannove anni s’ iscrive alla facoltà di psicologia dell’Università Dell’Aquila.  A ventiquattro anni, si scatena in lei la voglia irrefrenabile di concludere l'opera iniziata dieci anni prima. Dal 20 maggio 2016 Emma Braccani "Perché io non posso" è disponibile su tutti gli store digitali, Amazon e molti altri. Nel novembre 2015 Giulia partecipa ad un concorso fotografico “Scatti di libertà” di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, i cui fondi saranno devoti in beneficienza all’Associazione “AIED”. Nello stesso periodo a seguito di un provino, viene ammessa  all’Accademia di Arte Drammatica, Teatro Zeta, in L’aquila. 


Quindi non mi resta che consigliarvelo sicuramente perchè mi è piaciuto tantissimo in tutto dalla storia al modo di scrivere..bello, bello, bello !!!


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...